Le 4 caratteristiche di un buon consulente

L’altro giorno un imprenditore di una medio/piccola azienda del Piemonte appena conosciuto attraverso un amico comune, saputo che mi occupavo di web marketing mi ha posto una domanda che suonava pressapoco così: “Da chi pensa sarebbe meglio farmi fare il sito, da quelli delle Pagine Gialle, che mi hanno contattato più volte, oppure da …(nome di una nota azienda di comunicazione di Torino)”.

Gli ho risposto che era meglio che lo affidasse a chi più era in grado di raggiungere gli obbiettivi che si proponeva. Visto che si aspettava qualcosa di più,  gli ho anche dato alcune dritte precise per capire quando aveva di fronte un buon (o per lo meno discreto) consulente di web marketing.

Se anche tu sei un imprenditore o un professionista  e ti trovi nella situazione di valutare a chi chiedere una consulenza di web marketing, penso che ti sarà utile conoscere i consigli che ho dato al tuo collega piemontese. Sono efficaci per evitarti future disillusioni e strettamente legati alle caratteristiche che un buon web marketer deve avere:

1 – buona esperienza
controlla quindi le sue referenze. Accertati che abbia seguito dei progetti simili a quello che dovrà fare per te. Fatti dire che risultati hanno ottenuto e in caso contatta anche il committente chiedendo il suo parere al riguardo.

2 – ha chiaro cosa vuole ottenere
quindi controlla se ti propone degli obbiettivi precisi. Senza obbiettivi precisi non si è neppure in grado di delineare una strategia per raggiungerli. Gli obbiettivi precisi devono essere il più possibile quantificabili, in termini di tempo, risorse necessarie e soprattutto risultati. Accordati a priori sui risultati e (questa è una cosa giusta e furba) lega il compensa ai risultati che otterrai.

3 – è specializzato
quindi diffida di chi dice di saper fare di tutto. Il web marketing è un campo mostruosamente complesso. Non è possibile sapere tutto di qualsiasi tecnica, strategia o settore. Meglio quindi rivolgersi a marketers specializzati in particolari strategie o settori. Spesso i marketers validi, quando non conoscono un particolare settore, accettano ugualmente l’incarico, ma si fanno affiancare da colleghi capaci in quel settore, con cui hanno accordi di collaborazione. In tal caso, controlla i colleghi…

4 – non promette cose impossibili
perciò fatti dare delle garanzie. Per alcuni incarichi non è certo possibile. Ma ce ne sono diversi per cui tra committente e marketer ci si può suddividere i rischi. Se qualcosa non riesce come ci si aspettava, se non porta i risultati voluti, allora il marketer riceverà solo parte del compenso totale. Accetta di pagare, quindi, solo per quello che riceverai.

Sono dei consigli molto generali e sintetici ma che se seguiti ti daranno buone probabilità di scegliere il consulente giusto. In dei futuri articoli gli analizzerò in dettaglio.